Questo sito internet e solo parzialmente utilizzabile.
Per l’accesso a questo sito internet deve essere in grado di sopportare cookies.

Covid-19: improbabile contagio tramite fondue di formaggio

Per gustare una fondue di formaggio bisogna essere in buona compagnia. Che sia la classica moitié-moitié, la miscela artigianale del caseificio del villaggio, quella pronta da servire o da preparare da soli: la fondue di formaggio va gustata con la famiglia o con gli amici. Ma è possibile farlo senza remore anche nell’autunno del 2020?

La Switzerland Cheese Marketing AG ha analizzato a fondo questo quesito, al quale ha dato le seguenti risposte:   

  • La probabilità di essere infettati da COVID-19 mentre si consuma insieme una fondue di formaggio è praticamente irrisoria. 

  • Rispetto al rischio di essere infettati direttamente da una persona potenzialmente contagiosa allo stesso tavolo, il contagio tramite fonduta di formaggio è alquanto improbabile. 

  • Ad oggi non ci sono prove che il cibo in generale possa essere fonte di infezione e finora non è stata segnalata alcuna trasmissione di Sars-CoV-2 attraverso gli alimenti.  

  • Ad oggi non vi sono, inoltre, prove solide che il virus si trasmetta attraverso il contatto con oggetti contaminati, come ad esempio una forchettina da fondue.   

  • Se dovesse esserci un contagio, la causa più probabile sarebbe la trasmissione di droplet da una persona all’altra. 

Non c’è motivo, quindi, per non gustare una fondue di formaggio con la solita cerchia di persone. Che ci si sieda allo stesso tavolo con la famiglia o con amici, consumando una qualsiasi pietanza o una fondue di formaggio: il rischio di contagio da Covid-19 è ugualmente basso in entrambi i casi. 

Importante

Occorre comunque prestare attenzione a quanto segue: 

  • Le persone che presentano sintomi di malattia non devono partecipare alla serata fonduta.  

  • È meglio organizzare la serata fonduta con poche persone. 

  • Le norme di sicurezza e igiene dell’UFSP vanno rispettate rigorosamente.  

Per queste informazioni, Switzerland Cheese Marketing si è avvalsa della consulenza degli esperti di:  

  • Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) 

  • Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV) 

  • Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) 

  • Agroscope 

Indietro
0

Questo sito utilizza cookies per permetterci, e permette ai nostri partner, di riconoscere i nostri utenti e offrire loro servizi adatti. Chi naviga sul nostro sito ci autorizza a utilizzare cookies. clicca qui. Proseguendo nella navigazione o chiudendo questo messaggio l'utente acconsente all’uso dei cookies.